martedì 31 ottobre 2017

Challenge LPS di ottobre: Come se io fossi te di Andrea Caschetto

La challenge di questo mese chiedeva di leggere un libro con protagonista maschile

Titolo: Come se io fossi te
Autore: Andrea Caschetto
Curatore: C. Belliti
Editore: Chiarelettere
Anno edizione: 2017
Pagine: 176 p., Brossura
Prezzo: 15 € (qui)
EAN: 9788861909588

TRAMA
Andrea è un viaggiatore lento, perché serve tempo per ascoltare davvero le vite degli altri, per entrare in punta di piedi nelle esistenze, laddove la porta viene aperta, e con garbo accarezzarle e accudirle. E non crediate che questo tempo sia perso: prima o poi ritorna, in forme e sembianze mai uguali, ed è linfa per il mondo. Questo viaggio nasce da varie necessità, che nell’ordine sono: esaudire il desiderio di una ragazza molto amata che ama l’Argentina ma non può andarci; imparare che la disabilità ha bisogno di manutenzione e non di cure, perché non è una malattia; e ancora, raccontare la straordinaria meraviglia della diversità, dando voce agli Invisibili. E allora via, lungo le strade dell’Argentina. Unica compagna, una sedia a rotelle, metafora del vivere disabile. Da usare per sedersi e per far sedere, per confidarsi e far confidare. Per raccontare storie e invitare a raccontarle. A proposito, la sedia ha un nome. Si chiama Azzurra, come la ragazza amata che ama l’Argentina e finalmente, con Andrea, ci è andata. Perché la realtà ha la forma che uno vuole darle. E i sogni contano.

LA MIA RECENSIONE
Il protagonista maschile di questo libro è Andrea Caschetto. Intraprende un viaggio in Argentina accompagnato da una sedia a rotelle che lui chiama Azzurra e la tratta come se fosse una vera e propria persona. Perchè lo fa? Per dare voce a tutte quelli che a seguito di qualsiasi problema hanno difficoltà a spostarsi ed essere autonomi. Per sensibilizzare la gente nei confronti della disabilità e per  mettersi nei panni della sua amica disabile che a seguito di un'incidente non è potuta andare con lui. Al posto suo infatti il ragazzo conosce nuove persone e visita luoghi a lui sconosciuti senza mai perdere la finalità del suo viaggio. I capitoli sono scritti dal punto di vista di Andrea, ma ogni tanto sono alternati e danno voce alle persone che incontra in modo da conoscerli meglio. Oltre al suo viaggio mi sarebbe piaciuto conoscere un po' di più la figura di Azzurra.

8/10

Nessun commento:

Posta un commento

Ultime recensioni