sabato 22 agosto 2015

Recensione: L’eco del mio cuore - Annarita Pizzo

Un'altro libro inviato gentilmente dalla Butterfly edizioni

Titolo: L’eco del mio cuore
Autore: Annarita Pizzo
Edizioni ISBN: 978-88-97810-48-3
Pagine:120
Prezzo: € 8,00

Pagina FB dell'autrice: qui

TRAMA
Gennaio 1895. Una ragazzina poco più che tredicenne partorisce un maschietto in una casa misteriosa su una collina vicino Sanremo. Non le sarà mai più concesso di guardare suo figlio in volto. Gennaio 1920. Orazio ha venticinque anni appena compiuti quando sale su un treno per rincorrere un fantasma del suo passato. Non sa nulla della sua vera madre, delle sue radici, ma sa per certo che la risposta a tutte le sue domande è nascosta a Sanremo, tra un brefotrofio dalle tante contraddizioni e una nobile famiglia piena di oscuri segreti. L’autrice ci regala una storia forte, sconvolgente, attraversata da tutte le sfumature della luce e del buio. Un viaggio nel lato più oscuro dell’animo umano, attraverso gli spettri di un passato ignoto che chiede prepotentemente di essere conosciuto.

L'AUTRICE
Annarita Pizzo è nata ad Albenga e, dopo gli studi classici, ha lavorato nell’azienda floricola di famiglia per circa quindici anni. Successivamente ha conseguito l’Attestato di Operatore Socio Sanitario e ora è mamma a tempo pieno. Ama la scrittura, la lettura e la musica. Ha pubblicato diversi racconti sul web e in antologie di vari editori, ricevendo numerose Menzioni d’Onore e Segnalazioni di Merito. Nel 2011 pubblica il romanzo fantasy Enelsin Artigton e la Petra Regia che ottiene Segnalazione di Merito “Fantascrivola Spassosa” al Premio Cittadella 2012 e cui fa seguito, nel 2013, Petra Regia e la ricerca di Aran, terzo classificato (ex aequo) allo stesso Premio nel 2014. L’eco del mio cuore è il suo terzo libro.

LA MIA RECENSIONE
La storia di Orazio mi ha molto colpita. Nato di nascosto in una casa da una ragazza poco più che tredicenne, a sei anni viene adottato da una famiglia povera che lo crescerà come fosse suo figlio.  Quando a scuola scoprirà di non essere suo figlio naturale non avendo lo stesso cognome della bambina che ha sempre creduto sua sorella, la sua vita cambierà per sempre. Il libro passa continuamente raccontandoci la vita di Orazio da bambino al tempo presente, fino a quando scoprirà di essere figlio di un potente e nobile signore di Sanremo. Mi è piaciuta molto la caratterizzazione di tutti i personaggi soprattutto quella di Stefano, il segretario tuttofare del padre che alla fine,  tormentato dai sensi di colpa in punto di morte decide di dare una svolta positiva alla propria vita, costantemente vissuta tra segreti e bugie. Mi sarebbe piaciuto conoscere più particolari del vero padre e della madre del protagonista, e anche qualcosa di più del rapporto di amicizia che l'ha legata con la moglie dell'uomo ma nonostante questo mi è piaciuto tantissimo e l'ho letto poco meno in due giorni.

10/10

Nessun commento:

Posta un commento

Ultime recensioni