sabato 3 ottobre 2015

Recensione: Prendimi per mano - Sarina Bowen

Una nuova recensione per la De Agostini che ringrazio per avermi inviato il libro

Titolo: Prendimi per mano
Autrice: Sarina Bowen
Genere: new adult

Serie The Ivy years
1. Prendimi per mano, 1 settembre 2015
2. The year we hid away
2.5 Blond date, novella
3. The Understatement of the year
4. The shameless hour

TRAMA
Corinne Callahan detta Corey, matricola all’Harkness college, arriva al campus sulla sedia a rotelle. Nove mesi prima è stata vittima di un incidente di gioco in una partita di hockey su ghiaccio, sport in cui era una campionessa, che l’ha lasciata semiparalizzata con la parte inferiore delle gambe inutilizzabile, cosa che le impedisce di camminare senza l’ausilio delle stampelle o della sua sedia. Nella stanza di fronte alla sua nell’edificio del campus senza barriere architettoniche è alloggiato Adam Hartley, uno dei migliori giocatori della squadra di hockey di Harkness, che proprio poco prima dell’inizio dell’anno accademico e della stagione di gioco si è rotto malamente una gamba e per ciò è stato costretto a saltare le partite e a trasferirsi li. Hartley è bello, sicuro di se, simpatico e con una gamba ingessata fino all’inguine che lo costringe ad usare le stampelle. Diventeranno amici per la pelle, e Corey fin da subito si innamora di lui.. ma Hartley è fidanzato con Stacia, la ragazza più bella e snob del campus, e non la guarderà mai nel modo in cui vorrebbe lei.. o no?

RECENSIONE
Sono stata molto contenta di ricevere questo romanzo e l'ho letto in pochissimo tempo. Sia nelle situazioni che nei pensieri mi sono riconosciuta molto nella protagonista Corey. La sua in apparenza sembra una storia come tante: è una ragazza che frequenta il college per il primo anno, ma con la differenza che deve presentarsi in sedia a rotelle. Questo perchè alcuni mesi prima è stata protagonista di un brutto incidente durante una partita di hockey e da quel giorno non è più riuscita a stare in piedi da sola se non con l'uso di stampelle.Ma questo non le ha impedito di cominciare a frequentare il college anche se in una sezione particolare della scuola e inserirsi in una realtà quasi del tutto indipendente dalla famiglia anche se i genitori all'inizio non erano totalmente convinti della sua scelta. La ragazza si ambienta subito circondata dall'affetto dell'amica e compagna di stanza Dana, e soprattutto dal vicino Hartley, un bel ragazzo che attira subito la sua attenzione. Oltretutto è uno dei migliori giocatori della squadra di hockey del Paese ma purtroppo è fermo per un incidente alla gamba ed è costretto a portare il gesso. Con il tempo i due ragazzi si avvicinano sempre di più scoprendo che l'hockey è un altra cosa che li accomuna. Prima dell'incidente di Corey infatti, questo sport è stato molto importante nella sua vita, anche in famiglia, il padre infatti è stato il suo allenatore e lei aveva un futuro molto promettente. Dopo l'incidente però non è più riuscita ad avvicinarsi a un campo e con il passare del tempo Hartley riuscirà ad avvicinarla di nuovo e farle superare la paura prima sfidandola a un videogioco di hockey che li terrà incollati alla tv per parecchio tempo e poi portandola direttamente sul campo per una sfida sulle slitte. Questo è stato il punto più bello del libro! Nonostante il bel ragazzo sia fidanzato da tempo con una bellissima e ricca ragazza che ha un cervello veramente da gallina....(:p quanto l'ho odiata!!!!) una volta conosciuto Corey si renderà conto quali siano le cose che contano davvero nella sua vita! Il romanzo è scritto molto bene tratta della situazione e dei pensieri dei personaggi in modo molto leggero ma nello stesso tempo non banalizzando i problema. E' molto scorrevole e alterna alcuni paragrafi visti dal punto di vista di Corey e altri dal punto di vista di Hartley sempre in prima persona..una storia semplice ma che mi ha coinvolta davvero tanto! Aspetto con impazienza di leggere i prossimi capitoli della serie!!!!

10/10

Nessun commento:

Posta un commento

Ultime recensioni