Recensioni presenti sul blog

martedì 4 luglio 2017

Il mistero di Paradise Road di Pietro De Angelis

Ecco la recensione di questo bellissimo libro, ringrazio ancora l'autore Pietro De Angelis per avermelo inviato!

Titolo: Il mistero di Paradise Road
Autore: Pietro De Angelis
Editore: Elliot
Collana: Scatti
Anno edizione: 2016
Pagine: 316 p., Brossura
Prezzo: 17.90 € (qui)
EAN: 9788869931888

TRAMA
Il 15 gennaio del 1875 a Paradise Road, una via di linde casette a schiera alla periferia di Londra, morirono nella stessa notte dodici persone. Né Scotland Yard né la scienza riuscirono mai ad appurare la causa di quei decessi. Soltanto alcuni decenni dopo viene alla luce il documento che svela finalmente la verità su quel caso, di cui fu protagonista Lionel Morpher, impiegato esemplare all'Ufficio Brevetti, la cui moglie Alphonsine fu "vittima" di una passione totalizzante per la poesia. In una Londra nebbiosa e carica di mistero, Lionel si imbarcherà in un'impresa per salvare la moglie dalla sua "follia", entrando in un nuovo mondo, ricco di incredibili scoperte scientifiche che annunciano l'arrivo della modernità.

LA MIA RECENSIONE 
Ho concluso da poco questo romanzo molto diverso rispetto a quelli che leggo di solito. Ci troviamo a Londra nella seconda metà dell' 800 più precisamente il 15 gennaio 1874. A differenza di altri libri ci viene subito detto il fatto e cioè la morte di dodici persone in circostanze non ancora chiarite. Un'uomo, Lionel Morpher, a distanza di dieci anni ci svela essere l'unico a conoscenza dei fatti accaduti e ce li vuole raccontare.
Lionel vive in una casa a Paradise Road, con la moglie Alphonsine, una donna molto silenziosa e discreta. Lavora come impiegato all'ufficio brevetti ed è appassionato di tutto ciò che riguarda le nuove scoperte scientifiche. Un giorno trova alcuni diari in cui la moglie scrive versi poetici molto strani e decide di vederci chiaro. Per lui la poesia é qualcosa da cui stare lontani e cerca in tutti i modi di salvarla da quella che lui definisce ossessione. Il caso gli si presenta durante il lavoro d'inventariazione di alcuni macchinari di cui fino a quel momento ignorava l'esistenza.
Mi è piaciuta molto la scrittura dell'autore, adatta al periodo in cui si svolge la vicenda. Anche la descrizione dei luoghi dei vari sobborghi londinesi ha contribuito a farmi entrare molto velocemente nella storia. I due protagonisti sembrano all'apparenza una famiglia felice ma in realtà nascondono segreti che man mano si riveleranno. Il punto di vista cambia a seconda del personaggio che ci parla. In gran parte il punto di vista della narrazione é affidato a Lionel, in alcuni momenti a un personaggio secondario che ci scrive sottoforma di lettera. L'ho trovato molto originale.


9/10

2 commenti: