domenica 12 aprile 2015

Recensione: Un giorno sarai un posto bellissimo di Corrado Fortuna

Ecco la recensione di un libro pubblicato da Baldini & Castoldi

Genere: Giallo, Thriller 
Pagine: 208
Data di pubblicazione: 27 agosto 2014
Prezzo: 6,99 € in digitale - 12, 33 € in cartaceo
Disponibile: sito amazon e ibs

TRAMA
Essere ragazzi a Palermo: la contraddizione di trovarti con Giovanni Falcone che ti fa gli auguri di compleanno e il figlio di un noto boss mafioso che è tuo amico perché essere amici, alle scuole elementari, è normale, e bello. Anni dopo, con alle spalle l'Italia degli anni Novanta, i suoi riti e le sue stragi, come quella di Capaci - rimasta impressa nella memoria di un ragazzo ora divenuto adulto - un vassoio d'argento che appartiene a quel periodo potrebbe rappresentare un'altra prova, vera e concreta, dei rapporti fra la mafia e i vertici politici dello Stato.
   



RECENSIONE e GIUDIZIO
Ringrazio la casa editrice per avermi permesso di leggere questo libro. Il titolo ha attirato subito la mia attenzione in quanto si basa su una frase detta da Borsellino. La storia è narrata in prima persona da Arturo un giovane trentenne, amico di Lorenzo figlio di un boss di Cosa Nostra. Arturo è da sempre affezionato alla sua terra e sogna di sconfiggere la mafia rendendo Palermo un posto bellissimo. Lorenzo a differenza dell'amico vive in Francia e non ha nessuna intenzione di ritornare a Palermo e fare i conti con il suo passato. A cambiare il corso della storia è il ritrovamento di una lettera di suo padre. E questo è il pretesto per ritrovarsi di nuovo dopo 20 anni in Sicilia allo scopo di decifrarla per ritrovare, anche grazie all'aiuto di Silvia, amica e ragazza sempre contesa tra i due, un vassoio d'argento.
Romanzo d'esordio di Corrado Fortuna che ripercorre grazia a continui flashback i ricordi d'infanzia di questi due ragazzi negli anni 1990.

7/10

Nessun commento:

Posta un commento

Ultime recensioni